Who I am

Alba Gnazi

Le parole sono una chiave e un ponte, un codice privilegiato e misterioso, un canto: leggo da quando ne ho memoria.
Ancorata alla Musica, trattengo chimere sotto le unghie e mi ricompongo nella luccicanza di gioie minute, a metà tra il surreale e la strada.
E di vagare non smetto.


giovedì 1 settembre 2016

September Morning - A.





Poteva andare meglio, poteva andare peggio, non lo so;
questo fragore di vetri e venti tra le cime degli alberi,
ultimi seccami dell'estate che non salutò,
e divenne tramontana.

I figli coi figli tra zaini e compromessi
schiudono libri; allo sbadiglio del mattino
è affidato un intero sapere: mi commuove
il notturno sfogliare,  quei pianori di poesia sotto gl’occhi;

mi nuoce il passo distratto del martedì
che allunga ombre sulla settimana e altrove,
un ripetersi di futuri
smossi da legni secchi.

Infinitamente t'amai:
non avermene.


Il cane muore mentre il padrone dorme.



(Tratta da Luccicanze, Alba Gnazi, Cicorivolta Edizioni 2015)



Immagine in alto: Mats Andersson, A Day in September, by saatchiart.com

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Archivio blog

Follow by Email