Who I am

Alba Gnazi

Le parole sono una chiave e un ponte, un codice privilegiato e misterioso, un canto: leggo da quando ne ho memoria.
Ancorata alla Musica, trattengo chimere sotto le unghie e mi ricompongo nella luccicanza di gioie minute, a metà tra il surreale e la strada.
E di vagare non smetto.


Michele Sovente - Tu


http://m2.paperblog.com/i/152/1523148/michele-sovente-T-cUHt12.jpeg

TU.
In una crepa di vento tu 
con la veste alzata mi appari più 
selvaggia più frivola, volgi 
da un’altra parte gli occhi, sei sempre 
quella che mi raccontava bubbole, tu 
sai di fragole, della carne tua 
che si nasconde al vento odora 
il vento che ali bianche e nere 
con sé trascina, vaneggia per notti e notti 
la testa mia con te che dentro 
i sogni miei ti nascondi, tu …''


''Rint’a na sénga ’i viénto tu 
c’ ’a veste aizata m’accumpàre cchiù 
furèsta cchiù cianciósa, vuóte 
’a n’ata parte ll’uócchie, sî sèmpe 
chélla ca me cuntava stròppole, tu 
saje ’i fràvule, ’i sta carna tója 
ca s’annascónne û viénto addóra 
’u viénto ca scélle janche e scure 
se carréa, sbaréa pe’ notte e notte 
’a capa mia cu ttico ca rinto 
’i suónne mie t’annascùnne, tu…''

Gaeta, marzo 2015; di Alba Gnazi

''Al Tramonto
 
il Poeta non sa niente.''


Michele Sovente; Monte di Procida, 28 marzo 1948 – Monte di Procida, 25 marzo 2011

(Il testo è tratto da: La Poesia di Michele Sovente, a cura di G. De Filippis, S. Argenziano; in G.DF-S.A per www.vesuvioweb.com; la frase, dal ricordo di un evento poetico in zona flegrea, due anni fa)

Post più popolari

Archivio blog

Follow by Email

Google+ Badge